FED 2021 - banner 796x474

 

I GAS NOBILI. I gas nobili – a volte detti anche gas rari - sono gas inerti, elementi caratterizzati da una elevata stabilità, poco reattivi, presenti nell’atmosfera in percentuali varie. I gas nobili sono elementi appartenenti al 18° gruppo della Tavola Periodica: elio (He), neon (Ne), argon (Ar), kripton (Kr), xenon (Xe); radon (Rn).
In questo gruppo è presente anche l’elemento Oganesson, non da tutti però giudicato gas nobile.

ElioL'elio è il secondo elemento chimico più diffuso nell'universo dopo l'idrogeno. L'elio è il gas più leggero, sempre dopo l‘idrogeno, ma a differenza di quest’ultimo, non è infiammabile e viene quindi utilizzato per il riempimento di palloni sonda, aerostati e dirigibili. L'utilizzo principale dell'elio è come gas inerte nella lavorazione dei metalli per il suo elevato potenziale di ionizzazione. Grazie alla bassa temperatura, l’elio liquido è utilizzato nella criogenia per raffreddare i magneti superconduttori (ad esempio usati nella risonanza magnetica nucleare in campo medicinale) nella produzione di semiconduttori, nell’industria aerospaziale e come gas portante nelle analisi chimiche da gascromatografia. Miscelato con l'ossigeno è utilizzato come gas nelle immersioni subacquee, riducendo il pericolo di embolie.
.Arneon

Il neon è usato principalmente nelle insegne luminose che prendono, appunto, il suo nome ed in laser, assieme all’elio
L'argon è usato principalmente in applicazioni che necessitano di atmosfere inerti. Le più importanti sono: acciaierie, fornaci, saldature, ma anche lampadine e tubi fluorescenti. È utilizzato anche per le sue proprietà isolanti nei vetri e per le tute dei sommozzatori. Alcuni nuovi utilizzi sono previsti in medicina come neuroprotettore.

Kripto e RadoIl kripton è usato principalmente nelle insegne luminose, per modificarne il colore, e in laser a eccimeri.
Il radon è un gas prodotto dal decadimento di alcuni elementi radioattivi presenti in natura nelle profondità del sottosuolo. Generalmente è temuto in quanto può provocare danni alla salute ma talvolta, in basse concentrazioni, è usato in radioterapia o in acque termali.
xeno

Lo xeno è usato in lampade, nella fabbricazione di semiconduttori, in laboratori di ricerca, come anestetico in chirurgia e come neuroprotettore in medicina.







Partecipa al Concorso

Utilità